Categories: Astrofotografia

Una Serata di Astrofotografia: la Galassia di Bode, la Sigaro e la Whirpool

Inizia la nuova stagione con una serata a Porticciolo

Anche quest’anno, come nelle passate stagioni, iniziano le prime serate di osservazione del gruppo Astrofili Sassari, intervallate a momenti di Astrofotografia. Il gruppo, in realtà, non ha mai interrotto le uscite private durante l’inverno appena trascorso. I mesi di Febbraio e di Marzo ci hanno regalato numerose emozioni e molte sono state le occasioni per scattare qualche foto al cielo stellato. Anche il meteo è stato particolarmente clemente, sia per le poche perturbazioni sia per la temperatura  risultata abbastanza mite. Durante il mese di Febbraio ho realizzato un lavoro sull’ammasso delle Pleiadi e sulla nebulosa Testa di Cavallo. Il mio collega Robert si è cimentato, invece,  numerose volte sulla nebulosa di Orione. Nel successivo mese di Marzo ci siamo dedicati a soggetti quali la Nebulosa Rosetta (in fase di elaborazione) o la Galassia Sombrero.

Stazionamento dei Telescopi

Inizia ufficialmente, con la sessione fotografica del 22 Aprile, la stagione di osservazione e Astrofotografia del 2017. La prima serata è stata dedicata alla messa a punto della strumentazione e alla realizzazione di una sessione fotografica di circa 4 ore. 8 ore sono invece servite per coprire  l’arco di tempo totale usato per stazionare i telescopi, sistemare l’attrezzatura e compiere la sessione fotografica.

Porticciolo

Il luogo scelto per la prima messa a punto è stato Porticciolo, nel pressi di Alghero (SS). Si tratta di una piccola piana a 200 metri dal mare, quasi totalmente isolata, compresa tra la strada statale per Porto Conte e La Stalla. Essa è anche situata non distante dalle fantastiche falesie di Capo Caccia, e dell’area protetta delle Prigionette. Non di rado, infatti, durante gli stazionamenti, è capitato di avvistare daini e cinghiali. A parte le caratteristiche morfologiche del luogo, quello che interessa maggiormente chi si occupa di Astrofotografia è il cielo, e a Porticciolo il cielo è particolarmente buio. Questa caratteristiche fa si che il gruppo, nel periodo estivo, scelga spesso questo luogo per serate di osservazione, divulgazione ed Astrofotografia.

Sessione Fotografica in corso

La serata e la sessione fotografica

Per questa prima uscita stagionale abbiamo deciso di fotografare tre Galassie, Robert la Whirpool Galaxy ed io le due splendide Galassie di Bode e Sigaro.  Le due Galassie ravvicinate Bode e Sigaro sono situate nella costellazione dell’Orsa Maggiore, la Whirpool adiacente alla Stella Alkaid ma risultante nella costellazione dei Cani da Caccia.

La mia postazione, sotto il telo sistemato per protezione contro l’umidità

Per la realizzazione della sessione fotografica abbiamo utilizzato la stessa tecnica di ripresa, diretta, con la Reflex collegata al focalizzatore tramite anello T2. L’unica differenza sono state le durate degli scatti: mentre Robert ha compiuto brevissimi frame da 90 secondi, io ho ottenuto 10 immagini da 300 secondi. Durante la sessione fotografica ci sono stati dei problemi tecnici, come difficoltà di guida o errori periodici vista la vicinanza  alla stella polare.

Immagine della Whirpool non elaborata. Autore: R. Panai

A fine serata abbiamo ottenuto, entrambi, il materiale utilizzato poi nelle immagini che sono state postate dal gruppo. Di seguito la mia realizzazione comprensiva di Dark, Flat Field ottenuti tramite una Flat Field Box autocostruito da Mr per stesso, ma andata in frantumi durante la sessione, Dark dei Flat e Bias. Tempi di esposizione di 60 minuti a ISO 800.

Immagine finale delle Galassie Bode e Sigaro. M.Scarzella

Astrofili Sassari – M. Scarzella

Una Serata di Astrofotografia: la Galassia di Bode, la Sigaro e la Whirpool
Massimiliano Scarzella

Laureato in Scienze Naturali ha sempre avuto la passione per la Natura e per la Scianza. È stato uno dei fondatori del Gruppo Astrofili Sassari nel 2009 coltivando negli anni l'Hobby per l'astronomia e l'astrofotografia.

Share
Published by
Massimiliano Scarzella

Recent Posts

Come riconoscere gli oggetti nel cielo: dal Catalogo di Messier al Nuovo Catalogo Generale

Il Catalogo di Messier Nel 1774, un astronomo francese di nome Charles Messier, pubblicò il Catalogo degli Oggetti celesti, originariamente…

9 mesi ago

La Fine dell’ Estate – report osservativo del 22/09/2017

Fine dell’ Estate: Seconda serata nella stessa Luna Nuova, erano anni che non capitava, sempre con Ivan che ormai penso…

11 mesi ago

Il Dark Frame: importanza e approfondimento

Il Dark Frame. In questo articolo prenderemo in esame una tipologia particolare di fotografia: il Dark Frame. In astrofotografia questo…

11 mesi ago

Come effettuare la guida con il cercatore e una webcam

Cenni preliminari Prima di parlare nello specifico di come effettuare la guida tramite il cercatore, vorrei spiegare come sono arrivato…

11 mesi ago

Le Macchie Solari, queste sconosciute… studio e disegno.

...Alla Scoperta delle Macchie Solari Cosa sono le macchie solari? Qualcuno di voi sarà portato a dire che sono delle…

1 anno ago

Ritorno a Monte Nieddu. Report del 18/07/2017

Dopo più di due anni , insieme ad un amico di Roma  in vacanza a Budoni, decido di rispolverare il…

1 anno ago