Menu Chiudi

Ritornammo a riveder le stelle

Posted in Osservazione

Ritornammo a riveder le stelle, dopo circa un anno ritorno a redigere un report osservativo per una serata decisamente controversa e carica di problemi. Con Massimiliano presidente di “Astrofili Sassari” ci troviamo nel sito di Santa Caterina, nelle campagne di Calangianus, per tempo intorno alle 17:30, la serata promette benino se non bene anche se il microclima che si è creato nel sito ne fanno un luogo umido e a volte impossibile. Piazziamo gli strumenti per le nostre osservazioni, io a causa dell’umidità che scenderà a breve mi butto sugli ammassi stellari dell’Unicorno pur di non perdere la serata mentre Massimiliano cercherà di riprendere IC 434 la Nebulosa Testa di Cavallo. La sorpresa arriva poco dopo l’inizio delle osservazioni quando d’incanto in un podere vicino si accendono sette fari a led che illuminano a giorno la zona, situazione che peggiora a causa dell’umidità che ne accentuano il riverbero castrando notevolmente quelle che sono le osservazioni.
Massimiliano da parte sua litiga ferocemente con le condizioni meteo e di inquinamento luminoso che lo costringono a regolare la messa a fuoco praticamente ad ogni posa fino a quando il secondario completamente appannato non lo costringono a sospendere le pose e dedicarsi ai Dark,Flat e Bias per cercare di tornare a casa con in mano qualcosa. Quei fari e l’umidità che ormai si ripete costantemente iniziano a rendere il sito non più appetibile.

REPORT OSSERVATIVO DEL 03/03/2019

DATA: 03/03/2019…………..ORA :19:00/21:30……….TEMP.: 7°/5° VENTO: brezza leggera
SEEING:4/10 Pick…STRUMENTO: Dobson SW 254/1200……. OCULARI:Specificati FILTRI : UHC/OIII………..UMIDITA’:89/100%…………SITO OSSERVATIVO : Santa Caterina-Calangianus…… SQMmax 21,10…….TRASPARENZA : scarsa

Per questa sessione ho utilizzato l’oculare da 15mm/70° TecnoSky e filtri OIII e UHC dove occorrenti. Nella specifica del DSO sono elencati tipologia oggetto, magnitudine e dimensione

UNICORNO.

NGC 2259 (AA;10.8;4.5’); Ammasso debole e quasi indistinto individuato in una debole granulosità che si rileva sul fondo cielo a dx di una stella bianca stimata intorno all’8^e poco sotto una debole coroncina di stelline abbastanza evidenti. Non presenta addensamenti interni e la sua forma è quasi circolare.

NGC 2262 (AA;11.3;3.5’); Altro ammasso debole ed indistinto individuato in una debole granulosità triangolare poco sotto un asterismo di 6 stelle bianche . Poco da evidenziare.

NGC 2264 (AA+N;3.9;20’); La nebulosa Cono con il suo ammasso si presenta in modo evidente nella componente stellare con circa una 20ina di stelle veramente evidenti biancastre con una evidente granulosità interna composta da stelline di debolissima luminosità.
La componente nebulosa la si rileva con il filtro UHC in due condensazioni, la prima molto allungata e cospicua in direzione NE/SO intorno alle componenti più luminose dell’ammasso poste a NO dello stesso, la seconda molto più piccola e di forma quasi circolare intorno alla componente più luminosa dell’ammasso posto a SE del DSO. Se le condizioni fossero state ideali il DSO avrebbe dato sicuramente spettacolo.

NGC 2269 (AA;10.0;4’); Ammasso molto debole e difficile da individuare sullo sfondo molto ricco. Forse rilevato in una debole composizione leggermente addensata composta da una decina di fonti luminose leggermente più evidenti dal resto. DSO veramente anonimo.

NGC 2286 (AA;7.5;15’); Ammasso facile composto da una 15ina di componenti biancastre che prendevano la forma di una mini Auriga con il vertice rivolto verso SO, all’interno della figura era incastonata una fine granulometria di stelline indistinta a riempire il campo del DSO , il tutto immerso in uno sfondo ricchissimo. Tutto sommato un discreto DSO.

NGC 2301 (AA;6.0;12’); Ammasso notevole e molto facile da trovare, individuato in una composizione di circa una 15ina di stelle a formare una figura simile alle ali di un gabbiano in volo, con il corpo di esso composto da un addensamento molto tenue fatto da stelline molto deboli . Tutta la figura è disposta nel senso N/S del piano di osservazione. Buon DSO.

 

​NEBULOSA IC 434 TESTA DI CAVALLO
Foto di Massimiliano Scarzella di “Astrofili Sassari”

NGC 2299 (AA;8.9;2.5’); Ammasso veramente piccolo ed elusivo forse individuato in debolissimo addensamento granulometrico a fianco di un stella stimata tra la 7^ e l’8^ magnitudine che non so se faccia parte dell’ammasso o meno. Nel complesso è DSO elusivo ma con un certo fascino.

NGC 2309 (AA;10.6;3’); Altro ammasso veramente difficile ma stranamente di questo riesco a contare 8 stelline che prendono la forma di un doppio triangolo con la base in comune e i vertici contrapposti in direzione NO/SE . DSO strano.

NGC 2311 ( AA;9.6;7’); Ammasso facilmente individuabile in una condensazione di stelline bianche di forma triangolare a E di un asterismo composto da 7 stelle luminose a simulare una forma di semicerchio aperto verso l’ammasso. DSO Abbastanza piacevole nel suo complesso;

NGC 2215 (AA;8.4;11’); Ammasso facile ed evidente composto da una 20ina di stelline bianche che prendono la forma triangolare simile ad un piccolo albero di natale con il vertice rivolto a NE, all’interno si nota una fine granulometria di stelline indistinte. Il campo visivo, stranamente, non è dei più ricchi e questo probabilmente ne facilita la visione.

NGC 2232 (AA;3.9;30’); Ammasso molto luminoso, disperso nel FOV composto da una30ina di stelle veramente luminose che danno al dso la forma vaga di una X stilizzata con numerose stelline molto deboli a completare l’oggetto. Forse a causa della dispersione e della mancanza di qualsiasi condensazione lo ho trovato un DSO anonimo.

NGC 2237/38/44(AA+N;); Non è altro che la nebulosa Rosetta con il suo ammasso aperto, le cui componenti sono notevoli e molto numerose composto da stelle bianche con attorno una debole nebulosità che si evidenziava con il filtro. Tale nebulosità aveva dei cali visivi notevoli tali da farla apparire molto elusiva e poco appagante. Ormai le condizioni di osservazione sono diventate quasi impossibili specialmente per quello che comporta l’osservazione delle componenti nebulose degli oggetti osservati.

NGC 2250 (AA;8.9;8’);Debole condensazione posta al centro di un allineamento di due stelle bianche in direzione N/S. Conto pochissime stelle, forse 3,4 di luminosità appena superiore con a fianco una debole granulosità . La composizione ha una forma quasi triangolare. DSO evanescente.

NGC 2251 (AA;7.3;10’); Ammasso evidente e luminoso, composto da circa una 15in di stelle bianche che ne danno forma simile ad un mestolo in direzione NE/SO con il manico rivolto verso NE. Al centro della concavità del “mestolo” noto una leggera condensazione indistinta ma molto interessante e particolare. Bello da osservare.

NGC 2252 (AA;7.7;20’); Ammasso anche questo molto luminoso sparso nel campo con una forma difficile da definire e ricorda il susseguirsi della punteggiatura seguente .)-(. Composta da allineamenti stellari in serie punteggiata al posto delle parentesi e del trattino congiungente. Particolare.

NGC 2254 (AA;9.1;4’); Ammasso veramente indefinito in un fondo molto cospicuo si fa fatica a individuarlo. Forse in una piccola compressione di granellini indistinti di forma circolare.

NGC 2324 (AA;8.4;8’); Morfologicamente molto simile a NGC 2254 forse appena più grande ma le caratteristiche visive sono molto simili.

NGC 2353 (AA;7.1;20’); Ammasso luminoso ed evidente composto da circa 25 stelle evidenti di colore bianco e di forma indefinita e dispersa. Non ha condensazioni o nuclei, occupa molto dello spazio del campo visivo. Fa parte di quella serie di ammassi grandi, luminosi, dispersi e soprattutto anonimi.

NGC 2343(AA;6.7;7’); Ammasso non particolarmente grande ma evidente nel campo stellare in cui è inserito. Conto circa una 15ina dei stelle ben luminose che danno una forma strana con due allineamenti a semicerchio uno verso destra e uno verso sinistra con tra i due un allineamento verticale a separare le due arcuature. Ammasso particolare.

NGC 2335 (AA;7.2;12’); Ammasso luminoso e abbastanza ricco con un allineamento evidente di circa una decina di stelle in senso N/S con al fianco sinistro e circa a metà dell’allineamento una condensazione evidente e granulosa di forma quasi quadrata. Si staglia bene nel campo visivo e nel fondo del cielo, un buon DSO.

NGC 2323 (AA;5.9;16’); Ammasso noto anche M50 composto da innumerevoli stelle, circa 60 poste su tre allineamenti paralleli in senso NE/SO con nell’allineamento centrale due addensamenti stellari circolari che esaltano il complesso della figura. Notevole;

NGC 2506 (AA;7.6;7’); Ammasso luminoso e non molto grande. Conto circa 10 stelle più luminose del resto della composizione che insieme alle stelle meno luminose danno una forma al dso leggermente allungata in senso NO/SE. Le condizioni osservative sono andate oltre il limite consentito e altro non si riesce ad evidenziare.

Una pagina del modulo appunti della serata

 

di Maurizio Garau – Calangianus 3/3/19

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *