Categories: Astrofotografia

La Nebulosa Testa di Cavallo e la Nebulosa Fiamma

Nebulosa Testa di Cavallo e Nebulosa Fiamma

La Nebulosa Testa di Cavallo

La Nebulosa Testa di Cavallo (nota anche come Barnard 33, B33, in inglese HorseHead Nebula) è una nebulosa oscura nella costellazione di Orione. La nebulosa si trova appena sotto Alnitak, la stella più a est della cintura di Orione. E’ prevalentemente un turbine composto di gas e polveri, sagomato a formare una figura riconoscibile in una testa di un cavallo. La nebulosa Testa di Cavallo è una delle nebulose maggiormente riconoscibili e note del cielo. La sua fama è però direttamente proporzionale alla difficoltà a poterla osservare visivamente. Per poterla osservare dobbiamo ricorrere alla fotografia, meglio se a largo campo.
L’oscurità della Nebulosa Testa di Cavallo è principalmente causata da polvere densa, anche se la parte più bassa del “collo” getta un’ombra sulla sinistra. I flussi di gas che lasciano la nebulosa sono incanalati da un forte campo magnetico. Le macchie brillanti alla base della nebulosa sono giovani stelle in formazione. La luce della nebulosa Testa di Cavallo impiega circa 1500 anni per raggiungere la Terra.

La Nebulosa Fiamma

La Nebulosa Fiamma è una nebulosa diffusa visibile nella costellazione di Orione.
Si trova molto vicina alla brillantissima stella Alnitak, tanto da venirne quasi oscurata dalla sua luminosità. Fa parte del grande Complesso nebuloso molecolare di Orione e può essere osservata con un potente telescopio.
Si tratta di una grande regione H II visibile poco ad est della brillante Alnitak; la sua caratteristica fisica principale, che le conferisce pure il nome, è una grande banda scura di polveri che l’attraversa da nord a sud, allargandosi progressivamente e conferendo alla parte brillante della nebulosa una forma a fiamma.

Descrizione della fotografia

La Testa di Cavallo e la Nebulosa Fiamma hanno gradi di difficoltà differenti. La prima ha necessità di lunghe pose, la seconda, al contrario, appare quasi subito. Per realizzare questa immagine ho deciso di rimanere su scatti da 300 secondi, proprio per evitare di saturare la Nebulosa Fiamma, pena però la scarsa colorazione di IC 434, alle spalle della Testa di Cavallo.

Esposizione totale 45 minuti. Scattata da Uri (Sassari), febbraio 2017.

Massimiliano Scarzella

 

La Nebulosa Testa di Cavallo e la Nebulosa Fiamma
Massimiliano Scarzella

Laureato in Scienze Naturali ha sempre avuto la passione per la Natura e per la Scianza. È stato uno dei fondatori del Gruppo Astrofili Sassari nel 2009 coltivando negli anni l'Hobby per l'astronomia e l'astrofotografia.

Recent Posts

Messier 4 – M4 – Ammasso Globulare – Global Cluster

Messier 4 - M4 - (noto anche come NGC 6121) è uno spettacolare ammasso globulare di circa 75 anni luce…

6 mesi ago

Messier 3 – M3 – Ammasso Globulare – Globular Cluster

Questo ammasso è uno dei più grandi e luminosi, ed è formato da circa 500.000 stelle. È situato a una…

7 mesi ago

Messier 2 – Ammasso Globulare – Globular Cluster

Il primo ammasso globulare aggiunto al catalogo di Messier si trova a circa 37.000 anni luce dalla Terra nella costellazione…

7 mesi ago

Messier1 – La Nebulosa Granchio – Crab Nebula

La Nebulosa Granchio (nota anche come Nebulosa del Granchio o con le sigle di catalogo M 1 e NGC 1952)…

8 mesi ago

Come riconoscere gli oggetti nel cielo: dal Catalogo di Messier al Nuovo Catalogo Generale

Il Catalogo di Messier Nel 1774, un astronomo francese di nome Charles Messier, pubblicò il Catalogo degli Oggetti celesti, originariamente…

8 mesi ago

Galassia dello Scultore: l’ultima scoperta in campo scientifico

L’universo ogni giorno ci stupisce con molteplici sorprese. L’ultima news della settimana è la scoperta, pubblicata sulla rivista Nature Astronomy, dell'osservazione…

9 mesi ago