Categories: Astrofotografia

La Nebulosa Aquila (M16) fotografata da Alghero

Caratteristiche principali

La Nebulosa Aquila

La Nebulosa Aquila (M 16 o NGC 6611) è una grande regione H II visibile nella costellazione della Coda del Serpente; essa è formata da un giovane ammasso aperto di stelle associato ad una nebulosa a emissione, composta da idrogeno ionizzato, denominata IC 4703.  La sua distanza è sempre stata relativamente incerta, ma si tende ad accettare un valore di circa 5700 anni luce dalla Terra, ponendola così nella zona media del Braccio del Sagittario; contiene alcune formazioni estremamente conosciute, come i Pilastri della Creazione, lunghe colonne di gas oscuro originate dall’azione del vento stellare delle componenti dell’ammasso centrale e che sono responsabili anche del nome proprio della nebulosa stessa, a causa della loro forma. In esse sono presenti alcuni oggetti stellari giovani, che testimoniano come i processi di formazione stellare siano tuttora in atto, anche se non è chiaro se questi siano favoriti od contrastati dall’azione del vento stellare delle stelle vicine, né è chiaro se il vento effettivamente influisca in qualche maniera su questi fenomeni. L’ammasso è composto da un gran numero di supergiganti blu molto calde e brillanti; la loro età tipica è di appena 2-3 milioni di anni, cioè meno di un millesimo dell’età del nostro Sole; la stella più brillante dell’ammasso è di magnitudine 8,24  ben visibile anche con un binocolo.

Approfondimenti

Nebulosa Aquila – Le Colonne della Creazione

La Nebulosa Aquila in due foto scattate a Luglio 2016 da Porticciolo, presso Alghero. Sopra somma di foto a largo campo, sotto particolare delle Colonne della Creazione.
Dettagli dell foto: somma di 11 scatti per un totale di 1 ora e 15 minuti di esposizione, 8 Dark, nessun Flat. Camera di ripresa: Canon 450d modificata per l’H alfa; telescopio: Skywatcher 200/1000; montatura NEQ6 pro; camera guida: AlCCD5 montata su cercatore; software di ripresa: Canon utility; software di guida: PHD guiding 2. Software di Elaborazione: Deep Sky stacker; software di post-elaborazione: CS6.

Astrofili Sassari

 

La Nebulosa Aquila (M16) fotografata da Alghero
Massimiliano Scarzella

Laureato in Scienze Naturali ha sempre avuto la passione per la Natura e per la Scianza. È stato uno dei fondatori del Gruppo Astrofili Sassari nel 2009 coltivando negli anni l'Hobby per l'astronomia e l'astrofotografia.

Share
Published by
Massimiliano Scarzella

Recent Posts

Come riconoscere gli oggetti nel cielo: dal Catalogo di Messier al Nuovo Catalogo Generale

Il Catalogo di Messier Nel 1774, un astronomo francese di nome Charles Messier, pubblicò il Catalogo degli Oggetti celesti, originariamente…

9 mesi ago

La Fine dell’ Estate – report osservativo del 22/09/2017

Fine dell’ Estate: Seconda serata nella stessa Luna Nuova, erano anni che non capitava, sempre con Ivan che ormai penso…

11 mesi ago

Il Dark Frame: importanza e approfondimento

Il Dark Frame. In questo articolo prenderemo in esame una tipologia particolare di fotografia: il Dark Frame. In astrofotografia questo…

11 mesi ago

Come effettuare la guida con il cercatore e una webcam

Cenni preliminari Prima di parlare nello specifico di come effettuare la guida tramite il cercatore, vorrei spiegare come sono arrivato…

11 mesi ago

Le Macchie Solari, queste sconosciute… studio e disegno.

...Alla Scoperta delle Macchie Solari Cosa sono le macchie solari? Qualcuno di voi sarà portato a dire che sono delle…

1 anno ago

Ritorno a Monte Nieddu. Report del 18/07/2017

Dopo più di due anni , insieme ad un amico di Roma  in vacanza a Budoni, decido di rispolverare il…

1 anno ago