Categories: Astrofotografia

La Nebulosa Aquila (M16) fotografata da Alghero

Caratteristiche principali

La Nebulosa Aquila

La Nebulosa Aquila (M 16 o NGC 6611) è una grande regione H II visibile nella costellazione della Coda del Serpente; essa è formata da un giovane ammasso aperto di stelle associato ad una nebulosa a emissione, composta da idrogeno ionizzato, denominata IC 4703.  La sua distanza è sempre stata relativamente incerta, ma si tende ad accettare un valore di circa 5700 anni luce dalla Terra, ponendola così nella zona media del Braccio del Sagittario; contiene alcune formazioni estremamente conosciute, come i Pilastri della Creazione, lunghe colonne di gas oscuro originate dall’azione del vento stellare delle componenti dell’ammasso centrale e che sono responsabili anche del nome proprio della nebulosa stessa, a causa della loro forma. In esse sono presenti alcuni oggetti stellari giovani, che testimoniano come i processi di formazione stellare siano tuttora in atto, anche se non è chiaro se questi siano favoriti od contrastati dall’azione del vento stellare delle stelle vicine, né è chiaro se il vento effettivamente influisca in qualche maniera su questi fenomeni. L’ammasso è composto da un gran numero di supergiganti blu molto calde e brillanti; la loro età tipica è di appena 2-3 milioni di anni, cioè meno di un millesimo dell’età del nostro Sole; la stella più brillante dell’ammasso è di magnitudine 8,24  ben visibile anche con un binocolo.

Approfondimenti

Nebulosa Aquila – Le Colonne della Creazione

La Nebulosa Aquila in due foto scattate a Luglio 2016 da Porticciolo, presso Alghero. Sopra somma di foto a largo campo, sotto particolare delle Colonne della Creazione.
Dettagli dell foto: somma di 11 scatti per un totale di 1 ora e 15 minuti di esposizione, 8 Dark, nessun Flat. Camera di ripresa: Canon 450d modificata per l’H alfa; telescopio: Skywatcher 200/1000; montatura NEQ6 pro; camera guida: AlCCD5 montata su cercatore; software di ripresa: Canon utility; software di guida: PHD guiding 2. Software di Elaborazione: Deep Sky stacker; software di post-elaborazione: CS6.

Astrofili Sassari

 

La Nebulosa Aquila (M16) fotografata da Alghero
Massimiliano Scarzella

Laureato in Scienze Naturali ha sempre avuto la passione per la Natura e per la Scianza. È stato uno dei fondatori del Gruppo Astrofili Sassari nel 2009 coltivando negli anni l'Hobby per l'astronomia e l'astrofotografia.

Recent Posts

Messier 4 – M4 – Ammasso Globulare – Global Cluster

Messier 4 - M4 - (noto anche come NGC 6121) è uno spettacolare ammasso globulare di circa 75 anni luce…

5 mesi ago

Messier 3 – M3 – Ammasso Globulare – Globular Cluster

Questo ammasso è uno dei più grandi e luminosi, ed è formato da circa 500.000 stelle. È situato a una…

6 mesi ago

Messier 2 – Ammasso Globulare – Globular Cluster

Il primo ammasso globulare aggiunto al catalogo di Messier si trova a circa 37.000 anni luce dalla Terra nella costellazione…

6 mesi ago

Messier1 – La Nebulosa Granchio – Crab Nebula

La Nebulosa Granchio (nota anche come Nebulosa del Granchio o con le sigle di catalogo M 1 e NGC 1952)…

7 mesi ago

Come riconoscere gli oggetti nel cielo: dal Catalogo di Messier al Nuovo Catalogo Generale

Il Catalogo di Messier Nel 1774, un astronomo francese di nome Charles Messier, pubblicò il Catalogo degli Oggetti celesti, originariamente…

7 mesi ago

Galassia dello Scultore: l’ultima scoperta in campo scientifico

L’universo ogni giorno ci stupisce con molteplici sorprese. L’ultima news della settimana è la scoperta, pubblicata sulla rivista Nature Astronomy, dell'osservazione…

8 mesi ago