Categories: Tutorial

Il Dark Frame: importanza e approfondimento

Il Dark Frame.

In questo articolo prenderemo in esame una tipologia particolare di fotografia: il Dark Frame.
In astrofotografia questo tipo di immagine si utilizza professionalmente e non, per eliminare le imperfezioni causate dai pixel bruciati. Tutto ciò accade nelle comuni reflex digitali o in tutte le fotocamere che posseggono un sensore CCD o CMOS quando si cerca di realizzare una foto a lunga esposizione.

Ma cos’è nello specifico un Dark Frame?

Letteralmente è un fotogramma scuro. In parole povere è una fotografia scattata col tappo (della fotocamera, dell’obiettivo o del telescopio), ossia, a otturatore chiuso.
E da cosa è prodotto il disturbo causato dai pixel? Perché i pixel si bruciano?
Per prima cosa dobbiamo considerare il fatto che una fotocamera compatta o una reflex digitale, sono delle macchine, e in quanto tali, per funzionare necessitano di energia. Questa energia, durante una fotografia a lunga esposizione, si traduce in energia termica. Normalmente, infatti, molti CCD professionali sono autoraffreddati da ventole incorporate. Il riscaldamento del sensore provoca quello che in gergo tecnico si chiama rumore. Il rumore è un’immagine digitale, simile all’effetto neve, che fa da sottofondo alla nostra fotografia a lunga esposizione. I buchi, i pixel sovrasaturi, appaiono appunto brucati.
Di norma, quando scattiamo più fotografie ad una costante temperatura esterna, ad una determinata esposizione e Iso, otteniamo la medesima manifestazione di rumore.

Come realizziamo un Dark?

Assodato questo concetto, se riuscissimo a isolare un fotogramma scuro,ossia con solo rumore, noi potremmo sottrarlo alla fotografia principale.
Per fare questo, scattiamo una fotografia con il tappo sulla reflex (ad otturatore chiuso) con equivalente temperatura esterna, esposizione e iso dell’immagine principale. Sottraiamo, mediante l’uso di software dedicati (esempio Deep Sky Stacker) il Dark Frame all’immagine, e otteniamo una immagine senza i pixel bruciati o rumore digitale.
L’immagine finale, oltre ad essere esteticamente corretta rispetto alla precedente, avrà un contenuto in termini di rumore, molto inferiore.
Tenete presente che per definizione, il rumore digitale è casuale, sicche non scomparirà mai del tutto dalla vostra foto.

Per informazioni su come modificare e correggere una fotografia leggi: Tutorial Astrofotografia 2: Immagini, Dark, Flat, Dark Flat e Bias Frame

Immagine di una galassia ad alta esposizione con prixel bruciati causati dal rumore meccanico del sensore CMOS o CCD
Dark Frame scattato ad otturatore chiuso dal quale ricaviamo solo il rumore meccanico causato dall’esposizione
Immagine finale ottenuta sottraendo il Dark Frame.

Massimiliano Scarzella

Il Dark Frame: importanza e approfondimento
Massimiliano Scarzella

Laureato in Scienze Naturali ha sempre avuto la passione per la Natura e per la Scianza. È stato uno dei fondatori del Gruppo Astrofili Sassari nel 2009 coltivando negli anni l'Hobby per l'astronomia e l'astrofotografia.

Recent Posts

Messier 4 – M4 – Ammasso Globulare – Global Cluster

Messier 4 - M4 - (noto anche come NGC 6121) è uno spettacolare ammasso globulare di circa 75 anni luce…

5 mesi ago

Messier 3 – M3 – Ammasso Globulare – Globular Cluster

Questo ammasso è uno dei più grandi e luminosi, ed è formato da circa 500.000 stelle. È situato a una…

6 mesi ago

Messier 2 – Ammasso Globulare – Globular Cluster

Il primo ammasso globulare aggiunto al catalogo di Messier si trova a circa 37.000 anni luce dalla Terra nella costellazione…

6 mesi ago

Messier1 – La Nebulosa Granchio – Crab Nebula

La Nebulosa Granchio (nota anche come Nebulosa del Granchio o con le sigle di catalogo M 1 e NGC 1952)…

7 mesi ago

Come riconoscere gli oggetti nel cielo: dal Catalogo di Messier al Nuovo Catalogo Generale

Il Catalogo di Messier Nel 1774, un astronomo francese di nome Charles Messier, pubblicò il Catalogo degli Oggetti celesti, originariamente…

7 mesi ago

Galassia dello Scultore: l’ultima scoperta in campo scientifico

L’universo ogni giorno ci stupisce con molteplici sorprese. L’ultima news della settimana è la scoperta, pubblicata sulla rivista Nature Astronomy, dell'osservazione…

8 mesi ago